Abrogazione “Porcellum”, mobilitazione anche a S. Giorgio

da sinistra: Ziliani, Calza, Boiardi, Quaratino, Tiozzo

Parte la campagna di raccolte firme per il referendum sull’abrogazione
dell’attuale legge elettorale denominata “Porcellum”. A livello nazionale, il
referendum è stato proposto da  personaggi del calibro di Giovanni Sartori, Tullio De Mauro, Corrado Augias, Salvatore Accardo, Umberto Eco, Carlo Feltrinelli, Claudio Abbado, Dacia Maraini, Renzo Piano, Inge Feltrinelli, Innocenzo Cipolletta. I consiglieri provinciali del Nuovo Ulivo Gianluigi Boiardi e Gianni Quaratino, oltre a Patrizia Calza (PD), Gianluigi Ziliani e Giampietro Maini hanno presentato l’iniziativa che prenderà ufficialmente il via venerdì 1 luglio alle 20 ad Agazzano di fronte al castello, con una grigliata alle Cantine Lodigiani organizzata dai sostenitori del referendum. “Buona parte dei parlamentari ritiene che debba essere soppressa o comunque modificata, soprattutto, per i fenomeni di malcostume che ha prodotto nel Parlamento e nel Paese. E’ necessario modificare al più presto l’attuale legge elettorale per portare rimedio ai gravi danni che essa provoca al nostro sistema politico. Le liste bloccate – sottolinea Boiardi – privano gli elettori del diritto di scegliere i propri rappresentanti e ledono irrimediabilmente l’equilibrio tra i poteri”. Quaratino si sofferma sul premio di maggioranza: “Attribuendo il 55%
dei seggi alla lista che ottiene un voto più delle altre (anche se ha il 35% dei
voti), questo meccanismo obbliga anche i partiti maggiori alla ricerche di
qualsiasi voto utile. La conseguenza sono coalizioni sempre più ampie e
inevitabilmente eterogenee. Nessuna stabilità del governo, anzi: frammentazione
della maggioranza di governo e paralisi della sua attività”. Il fermento che in
questi giorni si sta creando attorno alla raccolta firme spinge Patrizia Calza a
ricordare come “se il referendum serve per stimolare i parlamentari a svolgere
il loro lavoro, quello cioè di cambiare la legge elettorale, ben venga la
raccolta firme. Sosterremo qualunque proposta che ponga fine, una volta per
tutte, ad una legge che toglie ai cittadini il diritto di scegliere i propri
rappresentanti in Parlamento”. Per la campagna referendaria piacentina, la
campagna di comunicazione è stata affidata a Silvia Tiozzo  che ha elaborato
cinque diversi slogan che hanno protagonista un firmatario d’eccezione: il
maiale che, rilasciando l’ “autorizzazione” ad utilizzare la propria immagine,
rivendica il proprio “diritto” a non essere confuso con il Porcellum. I
cittadini che intendono aderire all’iniziativa possono scrivere all’apposito
indirizzo mail porcellumpiacenza@gmail.com e trovare le informazioni aggiornate
di volta in volta, con le date e i luoghi di raccolta firme su www.owebpiacenza.com.

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...