Autovelox e oltre: consulenze gratuite on-line sul nostro sito?

L’ineffabile Giovanni (detto Velotraffic) – che ringraziamo a nome dei poveri “pesciolini” beccati dalla rete-autovelox – si sta rivelando, oltre che un grosso contributo ai contenuti del nostro blog, anche un “grosso esperto” di sanzioni stradali. Attraverso queste pagine, a nome di quanti fossero interessati, chiediamo ufficialmente la sua disponibilità a fornire qualche consulenza (gratuita e non impegnativa). Intanto passiamo al suo ultimo (corposo) contributo:

l’autovelox e oltre:
Il decreto stabilisce che tutte le postazioni di controllo per il rilevamento della velocita’ devono essere ben visibili e preventivamente segnalate con cartelli o dispositivi di segnalazione luminosi.
Le nuove regole, chiarite e precisate dal ministero dei trasporti col decreto del 15/8/07 pubblicato sulla GU n.195 del 23/8/07, valgono solo per tutti i dispositivi di rilevamento fissi, intendendo come tali quelli che funzionano da “fermi”, ovvero autovelox (permanenti o installati a bordo strada in modo temporaneo), telelaser, etc.. Sono esclusi i sistemi di rilevamento “a inseguimento”, ovvero utilizzati da un’auto o moto in movimento. La segnalazione delle postazioni di controllo puo’ avvenire con segnali stradali temporanei o permanenti, segnali luminosi a messaggio variabile oppure dispositivi di segnalazione luminosa installati su veicoli.
Essi devono essere di forma rettangolare di dimensione e colore variabile a seconda del tipo di strada, in conformita’ con le disposizioni del regolamento attuativo degli articoli 39 e 41 del codice della strada.
Sul pannello rettangolare deve essere riportata l’iscrizione “controllo elettronico della velocita’” oppure “rilevamento elettronico della velocita’” , eventualmente integrata con il simbolo o la denominazione dell’organo di polizia stradale che attua il controllo. I segnali luminosi installati sulle autovetture possono contenere iscrizioni sintetiche tipo “controllo velocita’” oppure “rilevamento velocita’”.

I segnali devono essere posizionati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove avviene la rilevazione, in modo da garantire il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocita’ locale predominante, della postazione di controllo.
La distanza varia a seconda del tipo di strada ma non deve superare i 4 km.
Il ministero dell’interno, con circolare del 20/8/07, ha precisato che si possano prendere in considerazione, per stabilire la distanza “adeguata”, le distanze minime indicate nel regolamento attuativo dell’art.39 del codice della strada per i segnali di prescrizione, ovvero 250 metri sulle autostrade e strade extraurbane principali, 150 metri sulle strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento (con velocita’ superiore a 50 km/h) e 80 metri sulle altre strade.
Si dovrebbe evitare che tra il segnale e la postazione di rilevamento vi siano intersezioni che comporterebbero la ripetizione dello stesso. Tuttavia, se cio’ avviene, la ripetizione e’ necessaria. Non e’ invece previsto che vi siano apposti segnali indicanti la “fine” della prescrizione.
Tale interpretazione e’ stata confermata anche dal Ministero dei Trasporti (parere del 21/4/09), che ha precisato anche che le modalita’ operative di controllo devono essere stabilite dal Prefetto.

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...