Scoppio in sito nucleare francese a 250 Km da Ventimiglia

Scoppio in sito nucleare in Francia presso il sito nucleare di Marcoule, nel sud del paese (a 30 km da Avignone). Il Governo francese esclude fughe  radioattive. L’esplosione ha determinato un morto e 4 feriti (bilancio ancora provvisorio). Il sito dell’ANSA da molto spazio a questa notizia, dai contorni ancora da determinare con completezza. “In Francia l’esplosione di un forno presso il sito nucleare di Marcoule, nel sud del paese (a 30 km da Avignone), ha provocato la morte di una persona e il ferimento di altre quattro. Per il momento “non c’è stata fuga radioattiva all’esterno”, fa sapere il Commissariato dell’energia atomica (CEA). I pompieri hanno comunque eretto un perimetro di sicurezza intorno alla centrale, a causa del rischio di fughe. L’incidente “non riguarda sicuramente la centrale nucleare“, ha detto l’esperto Emilio Santoro, dell’Enea. “L’esplosione – ha aggiunto – è avvenuta in un impianto per il ritrattamento del combustibile”. Non è chiaro, al momento, se si tratti di un forno per estrarre l’umidità dal combustibile oppure di un impianto nel quale vengono fusi o vetrificati i metalli a bassa attività. “La causa dell’incidente al momento non è nota”, ha osservato Santoro. “Probabilmente si è trattato di un effetto prodotto da una cattiva gestione o dall’anomalia all’interno di un forno”.

GOVERNO CONFERMA, NON C’E’ STATA FUGA RADIOATTIVA – “Non c’é fuga radioattiva”: lo ha confermato il governo di Parigi. Sul sito nucleare non è prevista nessuna evacuazione né isolamento di lavoratori della centrale dove è avvenuto l’incidente, annuncia il ministero dell’Interno.

Il forno esploso sul sito nucleare di Marcoule si trova nel centro per il trattamento delle scorie di una filiale di EDF: è quanto riferiscono i pompieri e la polizia.

La centrale di Marcoule è stata la prima centrale nucleare francese, nella Linguadoca-Rossiglione. La centrale possiede 3 reattori UNGG (una versione francese del Magnox inglese) da 79 MW totali. E’ stata la prima centrale nucleare francese, nello stesso sito esiste anche un altro reattore (il N°1) costruito dal 1955 al 1956 da soli 2 MW e non utilizzato per la produzione elettrica. La centrale fa parte del più ampio sito nucleare Marcoule, un’istallazione industriale gestita da AREVA e dal CEA. A Marcoule furono costruiti i reattori nucleari a uso militare per le ricerche destinate alla costruzione della bomba atomica francese.

Marcoule si trova a 242 km in linea d’aria da Ventimiglia, 257 da Torino, 342 da Genova.

L’esplosione avvenuta oggi nel grande sito nucleare francese di Marcoule, nel Sud della Francia, non riguarda una centrale nucleare, ma un impianto per il trattamento del combustibile nucleare. E’ quanto rilevano esperti dell’Associazione Italiana Nucleare, osservando che il sito di Marcoule comprende sia centrali sia impianti per il trattamento del combustibile. Considerando che l’esplosione è avvenuta in un forno e che impianti di questo tipo non si trovano nelle centrali, l’incidente, secondo gli esperti, è avvenuto in una struttura diversa da una centrale. I forni possono infatti essere utilizzati o negli impianti addetti alla preparazione del combustibile nucleare, oppure in quelli del il trattamento del combustibile utilizzato.

ASN, SCORIE SONO SCARSAMENTE RADIOATTIVE – “Secondo le prime informazioni, si tratta di un’esplosione di una fornace per la fusione di scorie radioattive metalliche di attività debole e molto debole”: lo scrive in una nota l’ASN, l’autorità per la sicurezza nucleare francese. confermando che l’incidente non ha causato alcuna fuga raioattivà o chimica all’esterno dell’impianto. In seguito all’incidente, l’ASN ha attivato il suo centro di urgenza. Secondo un portavoce di EDF, la cui filiale, la Socodei, gestisce il centro in cui è avvenuto l’incidente (Socodei), “é un incidente industriale, non è un incidente nucleare”. “In questo tipo di giorni ci sono due tipi di scorie: scorie metalliche e scorie combustibili come guanti o tute” . “L’incendio scattato dopo l’esplosione è sotto controllo”, aggiunge EDF. Il centro è situato nel comune di Codolet ma dipende dal sito nucleare di Marcoule.

PROTEZIONE CIVILE, MONITORAGGIO RISCHI ITALIA – Il Dipartimento della Protezione civile è in contatto con l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e con i vigili del fuoco per monitorare e verificare gli eventuali rischi per l’Italia dopo l’esplosione che si è verificata nel centro di trattamento delle scorie nucleari del sito di Marcoule, nel sud della Francia. Per ora, fanno sapere al Dipartimento, le informazioni arrivate dalla Francia non parlano di dispersioni radioattive. I vigili del fuoco hanno una rete di rilevamento della radioattività attiva sul territorio nazionale, pronta a segnalare anomalie.

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...