Provincia, solo Boiardi, Quaratino e Speroni contro le centrali su corsi d’acqua minori

nella foto di "Piacenzasera" la dimostrazione degli ambientalisti davanti al palazzo della Provincia

Nel corso dell’ultimo consiglio provinciale, solo Boiardi, Quaratino e Speroni hanno votato contro le centrali su corsi d’acqua minori; alla fine tutti gli altri hanno votato “turandosi il naso” facendo passare la possibilità di installazione di centraline idoelettriche sui corsi d’acqua minori. 14 i voti favorevoli da PdL, UdC, IdV e PD, con Lega Nord astenuta in blocco, così come Giulio Maserati del gruppo misto. Ciascuno ha fatto i propri distinguo e le proprie dichiarazioni. La dichiarazione di voto di  Gianluigi Boiardi (Nuovo Ulivo): «Forse non ci rendiamo conto della delicatezza idrogeologica della provincia di Piacenza. Non possiamo accettare un cambio di rotta di
questo tipo in materia idroelettrica: basta vedere i pasticci già compiuti con le autorizzazioni per gli impianti fotovoltaici. Si rischia una “padellata” come quella fatta per il fotovoltaico, dove l’abuso di impianti ha rovinato il nostro terreno agricolo. Non si può scendere a compromessi, ignorando il lavoro fatto in dieci anni per arrivare alla formulazione dell’articolo cento. Dobbiamo cercare di lavorare in maniera diversa».

Di seguito il comunicato stampa diffuso da “Notube” prima del Consiglio Provinciale del quale vi abbiamo parlato:

Comunicato stampa del comitato stampa No Tube

Lunedì scorso la Regione Emilia Romagna, caldeggiata dai presidenti delle due Comunità Montane piacentine, ha deciso di togliere la protezione a tutti i nostri torrenti.

Ormai la decisione è stata presa. L’Art. 100 del Ptcp di Piacenza viene modificato dalla Regione e viene tolta la protezione a tutti gli affluenti che non siano Trebbia Nure e Aveto. Potremo finalmente vedere le cascate del Perino finire in un tubo o la cascata dell’aquila sul Lardana, o i salti del Curiasca..
E’ una grave sconfitta per il nostro territorio e per chi lo ama. E’ una sconfitta (l’ennesima) per chi crede nella buona politica, quella fatta di partecipazione, di consenso, di difesa dei beni comuni.
E’ una vittoria degli “imprenditori” che lucrano devastando il territorio e dei politici amici degli amici che glielo permettono, quelli che non sanno distinguere tra politica e interessi privati.
Il comitato no tube non si ferma  qua. Nei prossimi mesi e anni continueremo a fare informazione a cittadini e amministratori sui pericoli che si profileranno per i nostri fiumi. Daremo battaglia su ogni singolo progetto che verrà presentato, e lanceremo una grande campagna a livello regionale  per fare in modo che la Regione ritorni sui suoi passi.
Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...