Il Concordia-San Giorgio, sommerso dalle frasche

Il 27 marzo scorso, abbiamo segnalato l’indecorosa e pericolosa (dal punto di vista dell’igiene pubblica) situazione delle aree che ospitano i cassonetti per la raccolta dei rifiuti vegetali. In quell’occasione, avevamo evidenziato un’incredibile spettacolo in via Faustini, dove il cassonetto destinato ad accogliere i residui delle potature (stracolmo) era letteralmente sovrastato ed inglobato da un’enorme, smisurata catasta di rifiuti vegetali che superava il primo piano della costruzione adiacente (vedi foto in basso). “Purtroppo non si tratta di un caso isolato – avevamo rimarcato – ma di una situazione che si ripete da un mese, ed in vari punti del paese”. “I rifiuti fermentano e attirano animali ed insetti – avevamo aggiunto – concludendo con l’augurio che chi di dovere possa (voglia) provvedere ai suoi obblighi istituzionali, attivandosi affinché queste situazioni non abbiano a ripetersi. Purtroppo, ci segnalano la formazione di nuove “cataste”: ci vuole tanto ad acquisire qualche cassonetto in più?

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il Concordia-San Giorgio, sommerso dalle frasche

  1. Zorro ha detto:

    e come naufragio che si rispetti, anche in questo caso, deve esserci un responsabile;il Sindaco come il Comandante Schettino ? non posso credere che non vi siano gli strumenti per impedire questo scempio, anche coloro che hanno accatastato il material e in quel modo dovrebbero avere delle responsabilità, non credo sia possibile attribuire lo smaltimento delle frasche o l’erba dei giardini al solo Comune. Non conosco la normativa nel dettaglio, certamente una più attenta vigilanza impedirebbe un eccessivo accumulo, comunque bisognerebbe individuare una procedura con la quale chi ha necessità di smaltire almeno avvisi gli incaricati. Pensandoci bene in un modo o nell’altro credo sia sempre responsabilità del primo cittadino o comandante governare la “Nave”.
    Zorro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...