Concordia S. Giorgio, la maggioranza affonda

il titolo su "Libertà" di oggi

“San giorgio, scossone in consiglio. La maggioranza ha perso Affaticati e Busca passati al gruppo misto.” questo il titolo del resoconto sul consiglio comunale (tenutosi sabato mattina dalle 9 fino a circa le 14:30) che si può leggere su “Libertà” di oggi. Il consesso si è aperto con quello che il quotidiano ha definito “un brutto scossone per la maggioranza, che ha perso due consiglieri, che sono passati al gruppo misto”. Sono stati riportati anche alcuni “virgolettati” dei consiglieri che hanno lasciato la maggioranza. «Sono fortemente deluso dall’evoluzione degli eventi in senso contrario a ogni attesa – ha spiegato Erminio Affaticati – ed è venuta meno la mia fiducia in un’amministrazione che ha fatto di ipocrisia, reticenza e pregiudizio la propria bandiera». «Questa
amministrazione ha totalmente dimenticato le frazioni – ha detto Crisitna Busca – le ha messe da parte. Io voglio mantenere i miei impegni e sono stanca di lanciare osservazioni
costruttive a questa giunta sorda ai miei appelli e disinteressata al mio lavoro».

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Concordia S. Giorgio, la maggioranza affonda

  1. Pietro ha detto:

    con molta probabilità l’atteggiamento del Madaghiele è da ricercarsi all’interno della parola prudenza, si fa presto a dire collaborare, quando si collabora, specialmente con l’opposizione c’è il pericolo di scontentare la maggioranza e con questa il Sindaco; siamo sicuri che un amministratore con interessi commerciali all’interno dello stesso Comune sia libero di “collaborare”? Comunque non mi sembra nemmeno che si sia più di tanto “attapirato” per la cacciata dal suo ex Gruppo, mi sembra più realisticamente preoccupato di trovarsi una nuova collocazione e con il fatto che non ha mai “colloborato” è anche possibile che qualcosa trovi.
    Pietro

  2. lambertocuratolo ha detto:

    Gent.le Sig. Piero, la faccenda è un po’ diversa da come la descrive. Infatti i due consiglieri dimissionari non usciranno dal consiglio, ma entrano, di fatto, nei gruppi di opposizione che quindi passano da 5 a 7 elementi, mentre il gruppo del capitano passa da 12 a 10. Ora, se trascuriamo il fatto che nella storia recente del nostro comune non esiste un fatto simile, dobbiamo però dire che la maggioranza ne esce terribilmente indebolita, infatti eventuali assenze, missioni o ulteriori abbandoni (ricordiamoci che siamo già al numero 3) potrebbero effettivamente segnare una crisi.
    I segnali ci sono, ha notato la partecipazione alla festa di ieri? Per me è stata quasi nulla. E di questo mi dispiace perché la festa del patrono è sempre stata una grande festa. Quanti altri danni riusciranno a fare questi signori?
    Un caro saluto

  3. Piero ha detto:

    E’ la conseguenza dell’operato scriteriato dell’amministrazione Tagliaferri, almeno possiamo dire che all’interno del consiglio comunale c’erano delle persone coscenziose e ora si sono rese conto che la commistione con il resto dell’esecutivo non é più tollerabile.
    Sicuramente non sarà difficoltoso sostituirli, e certamente saranno scelti due consiglieri facilmente controllabili in modo da proseguire la linea antidemocratica che ha caratterizzato l’operato dell’amministrazione Tagliaferri.
    Il buon senso indicherebbe che é ora di dimettersi per Tagliaferri e i pochi fedeli rimasti ma é una speranza vana temo.
    E comunque ne vedremo delle belle ancora…..
    Ma purtroppo non a favore dei sangiorgini.

  4. lambertocuratolo ha detto:

    È proprio così, la maggioranza dimostra tutte le sue contraddizioni.
    E il nostro Sindaco, ormai definitivamente salito sugli scogli per osservare la propria nave solo da lontano non riesce nemmeno a mantenere le promesse ” sotto l’albero”.
    Sul numero 10 del foglio “il Comune informa”, per noi “il Comune le spara grosse”, in mezzo alle palle di Natale il nostro Comandante prometteva ” Coglieremo l’occasione del bilancio di metà mandato per promuovere una serie di incontri con la popolazione in cui valutare, con l’equilibrio e la concretezza di noi persone semplici (e qui mi si sono già cariati i denti ndr) i progressi nell’attuazione del programma, il fatto e il da farsi.
    Ora, noi persone semplici a questa ennesima balla diciamo “la metà mandato a l’è finì da un pes e un toc”.
    Fortunatamente è vero, siamo in discesa, speriamo che questi altri due anni passino in fretta.
    Per quanto riguarda le lacrime di coccodrillo del Madaghiele che ho sentito ieri, posso fare un solo commento, “Ma tutta questa voglia di collaborare a fare non ho capito cosa, ti è venuta solo ora? Dove sei stato in questi tre anni? Puoi ricordarmi una tua interrogazione, proposta, mozione, interpellanza di questo periodo? Io non la ricordo.”
    Un caro saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...