SG, “rami pericolanti”: ancora?

l’articolo su “Libertà”

Dunque: che da un po’ di anni a questa parte le “bufere” brevi ed improvvise e in qualsiasi stagione facciano solidamente parte del nostro nuovo “patrimonio climatico” è assodato. Che anche il territorio di San Giorgio sia interessato da tali bufere è ugualmente assodato. E’ ancora assodato che simili eventi hanno, ad esempio, interessato San Giorgio il 15 aprile 2011 (danni modesti), il 27 maggio 2011 (caduta di due alberi di grosso fusto), il 12 maggio 2012 (caduta di un albero in pieno centro nella stessa via già teatro di un episodio analogo). “Qual è lo stato degli alberi sul nostro territorio?” Ci eravamo chiesti (ed avevamo chiesto, senza riscontro). “E’ stato fatto uno studio per stabilire quali siano le piante a ‘rischio’ in paese?”. Oggi, alla luce della notizia di “rami pericolanti” a seguito della “tempesta” del 24 u.s., siamo a porgere le stesse domande e a ricordare che l’albero, in città, vive sempre una condizione di disagio agronomico che ne accorcia la vita e che lo rende più vulnerabile ai decadimenti della struttura portante. Questo genera piene responsabilità civili e penali a carico del custode dell’albero. Nel caso del verde pubblico il custode si identifica con l’Amministrazione comunale. L’omesso controllo come anche l’omesso intervento di abbattimento e/o messa in sicurezza di un albero rilevato a rischio generano responsabilità primarie in caso di danni.

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...