(in)utilities: Fantasmi sollecitano fantasmi

“il cantiere per la realizzazione della tangenziale – che avrebbe bypassato il centro abitato – è ridotto da mesi a un cantiere fantasma, nonostante le
sollecitazioni sia del Comune di San Giorgio che della Provincia.” E’ quanto si legge su “Libertà” del 21 u.s. nell’articolo “Cinque milioni pronti per allargare la strada tra i Casoni e Podenzano”:

La strada tra i Casoni di Gariga e Podenzano diventerà più larga, e quindi più
sicura. Il dirigente della provincia di Piacenza Stefano Pozzoli, in una
determina dirigenziale, ha sottoscritto i procedimenti tecnici per dare il via
agli espropri necessari per realizzare un progetto corposo di riqualificazione
del tratto stradale: si tratta di un intervento da cinque milioni di euro, già
interamente finanziato dalla Regione Emilia-Romagna due anni fa, e destinato
alle strade ex statali, quindi anche alla provinciale 654R di Valnure.
Quello
degli espropri è, quindi, un passaggio obbligato per allargare la sezione
stradale, come spiega Pozzoli. La giunta di corso Garibaldi ha già approvato il
progetto preliminare, dichiarando la pubblica utilità dell’opera. Terminati gli
espropri, si procederà all’appalto, ma la messa in moto del cantiere dipenderà
dalla compatibilità con i vincoli derivanti dal patto di stabilità. Le risorse
sono sicure e già finanziate, ma ancora non si sa se la Provincia potrà
spenderle, per rispettare i vincoli di otto milioni di euro assegnati per
quest’anno.
cantiere fantasma – La viabilità della Valnure deve, inoltre,
fare i conti con altri due problemi. Il primo riguarda San Polo, sempre nel
comune di Podenzano, dove il cantiere per la realizzazione della tangenziale –
che avrebbe bypassato il centro abitato – è ridotto da mesi a un cantiere
fantasma, nonostante le sollecitazioni sia del Comune di San giorgio che della Provincia. La società che ha in capo il
progetto, cioè Centropadane spa, avrebbe dovuto completare, inoltre, il
sottopasso della comunale di Turro, ma anche quello si è fermato, sembra per
mancanza di liquidità, oltre che per il caos che ha tenuto banco quest’estate
sulle concessioni della società autostradale da parte di Anas. Il completamento
dell’opera di San Polo farà parte, comunque, degli obblighi che il nuovo
concessionario autostradale dovrà prendersi come impegno.
Ponti pericolosi
-Seconda gatta da pelare, è una vera e propria mobilitazione partita dall’alta
Valnure che chiede lo stesso impegno finanziario della pianura. Le risposte
dell’amministrazione provinciale sono «insoddisfacenti» per il consigliere
provinciale Bruno Ferrari. «Non viene per nulla considerato il tratto tra
Bettola e lo Zovallo – dice Ferrari -. Così offendete i cittadini di Farini e
Ferriere. Ci è stato detto che l’intervento sui ponti, per la messa in
sicurezza, dovrà vedere il parere della Soprintendenza e intanto chi attraversa
quei tratti di strada a Cantoniera e Molino Nano deve fare uno sforzo di
coraggio non indifferente».

Annunci

Informazioni su insiemepersangiorgio

https://insiemepersangiorgio.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...